Andrà tutto bene?

Andrà tutto bene se faremo le cose giuste.

In questo articolo voglio svelarti un “segreto”.

Il “segreto” per far prosperare una piccola azienda in questo periodo a dir poco complicato!

Per me e per i miei clienti ha funzionato, soprattutto in un anno difficile come il 2020! 

Se NON lo metti in PRATICA dubito che … andrà tutto bene.

Siamo agli inizi del 2021 e, come sempre, siamo davanti a tanti buoni propositi. 

Non voglio parlare di Covid 19 e di salute perchè non è il mio campo e ritengo che ne parlino in troppi, spesso anche a sproposito.

Qui voglio parlare di possibili scenari per il 2021 in cui fare impresa.

In quale “contesto” ci troveremo a sviluppare i nostri business?

Quali condizioni possono creare nuove opportunità?

Cosa può mettere in difficoltà la nostra azienda?

Fare analisi a posteriori sono capaci tutti.

Avevo scritto, l’estate scorsa, un articolo dal titolo “Ci sarà un nuovo lockdown a ottobre?” l’hai letto?

Se non l’hai letto clicca sul titolo e leggilo ora, puoi vedere a posteriori, che la mia previsione s’è avverata e che le aziende che hanno messo in PRATICA i miei suggerimenti hanno avuto un vantaggio competitivo UNICO!

Con questo non voglio dire che io sono Nostradamus, ma vorrei sottolineare che i suggerimenti che c’erano scritti non sono stati messi in PRATICA da quasi nessuna piccola azienda con cui ho parlato, a parte i miei clienti.

Perchè?

Eppure erano GRATIS, o quasi.

Ma andiamo avanti.

Cosa possiamo ipotizzare che ci riservi quest’anno? 

Sono certo che sarà un anno difficile quanto il 2020.

“Ma come Bonazzi al TG stanno dicendo che oramai il Covid ha le ore contate …”

C’è grande euforia e speranza perchè c’è la soluzione: il vaccino!

Anzi, i vaccini.

Non voglio disquisire in questo articolo se funzionino o no, se siano sicuri o no, ecc.

Qui voglio parlare di scenari che possiamo prevedere in cui fare impresa.

Voglio argomentarti perchè ritengo che sia un anno difficile quanto il 2020. 

Per vaccinare tutta la popolazione, facendo anche il secondo richiamo, se va bene servirà quasi un anno.

Si dice che la durata del vaccino sia di diversi mesi, come quello influenzale.

E’ quindi probabile che il prossimo anno ricominci “il giro vaccini” e siamo daccapo.

Ma torniamo al 2021, se ci metteremo circa un anno a vaccinare l’intera popolazione quando torneremo alla normalità?

Oggi è il 2 gennaio e, già da diverse settimane, il governo ha promesso che dal 7 gennaio 2021 riprenderanno le lezioni in presenza: è una priorità.

Nutro molti dubbi che lo facciano per davvero, ma soprattutto che durerà fino a fine anno scolastico.

La stessa cosa l’abbiamo vista nel 2020, i vari DPCM erano prima annunciati e poi confermati, spesso, alle 22 della domenica per il lunedì della mattina successiva.

Stiamo navigando a vista.

Non abbiamo un programma preciso.

L’incertezza è devastante nell’economia e nell’imprenditoria.

Anche se dicono che andrà tutto bene.

Quindi cosa significa questo per le piccole aziende?

Le piccole aziende soffriranno se non fanno le giuste AZIONI.

Le fiere saranno rimandate di mese in mese a seconda dei territori, quindi le PMI andranno in difficoltà, perchè gli mancheranno i “contatti” con clienti e potenziali clienti.

Le aziende che hanno venditori che vanno fisicamente dai clienti avranno meno “contatti” in particolare con i potenziali clienti, a causa di questi continui “stop & go”.

Le imprese che volevano aprire nuovi mercati dovranno farlo con grandi difficoltà o probabilmente dovranno rimandare queste nuove “conquiste”.

Per non parlare dei contoterzisti che saranno “tra l’incudine e il martello”.

Se c’è meno lavoro per il committente anche il terzista ne pagherà le conseguenze, perchè non avendo un propio prodotto dipende dalle altre aziende.

Quindi?

Il “segreto” per il 2021 è cercare di raggiungere “digitalmente” i clienti, ma soprattutto i potenziali clienti!

Vendere digitalmente NON significa usare Skype (che comunque è sempre meglio di niente).

Si tratta di avere una strategia, fatta di AZIONI CONCRETE che devono essere a sostegno dei tuoi venditori affinché la tua azienda abbia la “giusta linfa” per non andare in affanno economico e finanziario.

La “giusta linfa” sono una quantità di vendite (da te preventivate) con giusta marginalità che devono essere “garantite” sia che ci sia un lockdown generale, sia che ci mettano dentro a zone colorate, o altre “strategie fantasiose” che chi ci governa si possa inventare.

Con qualsiasi condizione!

Devi avere la capacità di raggiungere potenziali clienti, e tanti, anche da remoto con una strategia vincente.

Non a chiacchiere!

Andrà tutto bene?

NON puoi e NON devi dipendere da fattori esterni!

Attendere che “là fuori” tutto torni come prima NON è una strategia intelligente.

Capisco che sia più comodo attendere, comprendo che sia più facile arrabbiarsi con chi ci gestisce con DPCM creativi, ma la tua azienda deve essere prima messa in salvo e poi subito dopo deve prosperare!

A mio avviso il 2021 sarà “difficile” per chi è “in attesa”, invece diventerà una grande opportunità per chi si organizza e impara una, solo una, abilità che lo rende un passo avanti rispetto agli altri.

Io voglio bene ai piccoli imprenditori e le loro aziende sono il mio habitat da decenni, per questo scrivo questi articoli così “irriverenti”.

Imprenditore: vorrei aiutarti!

I competitor delle PMI “nostrane” non sono solo le altre PMI ma soprattutto sono le aziende estere.

Queste sono agguerrite, hanno cultura commerciale da vendere!

E’ la capacità commerciale che va sviluppata e se pensi di essere già bravo … amen.

Quindi, per te piccolo imprenditore, la sfida nel 2021 è assai difficile se sei un “attendista”, se invece giocherai in attacco sarà impegnativa, ma le soddisfazioni economiche ed emotive saranno tantissime.

Ciò che sto scrivendo non l’ho letto sui libri, è ciò che metto in PRATICA da anni; prima l’ho fatto per me e poi l’ho messo in PRATICA anche per i miei clienti.

Il Covid 19 ha amplificato questo concetto che scrivo ed applico da anni.

Tante piccole aziende si sono ritrovate “invischiate” in questa situazione perchè non erano, e non lo sono tuttora, pronte!

Se vuoi posso dimostrarti come fare.

Ogni tanto faccio un webinar GRATUITO, vai a vedere la prossima data CLICCANDO QUI.

Per finire vorrei darti una dimostrazione di ciò che dico.

Come hanno reagito gli imprenditori nel 2020?

Male!

Anche se comprendo e non voglio condannare nessuno, vorrei dimostrarti che la reazione che hanno avuto gli imprenditori è stata “difensiva” e non di “attacco” come meriterebbe una situazione di grandi cambiamenti come quella che è iniziata a febbraio 2020 e che stiamo ancora vivendo.

Ci vanno gli imprenditori su Google?

Ovviamente SI. 

Google Trends è un tool di Google che ti segnala gli andamenti delle ricerche effettuate su Google in un determinato periodo e in una zona specifica.

La ricerca che ho effettuato è relativa al 2020 e la zona è Italia, i parametri inseriti sono:

  1. trovare nuovi clienti
  2. cassa integrazione
  3. ristori

Vediamo cosa si evince …

La prima cosa che salta agli occhi è che da marzo 2020 si impennano le ricerche per “cassa integrazione“, tutto sommato è giusto visto ciò che è successo., poi si riducono e rimangono costanti con bassi volumi fino a fine anno.

La seconda cosa che è evidente che verso ottobre iniziano le ricerche di “ristori” sicuramente per cercare di comprendere cosa poteva fare lo stato per le aziende, anche questo non fa una piega.

La “cosa” che stona è la “riga azzurra” che non si vede, è coperta da quella gialla.

La ricerca “trovare nuovi clienticompare un pochino da ottobre in poi solo perchè si alzano le richieste di ristori.

In sintesi “trovare nuovi clienti” non ha ricerche, non è interessante.

Per tutto il 2020 NON ci sono ricerche a proposito di come trovare nuovi clienti!

Per nessuno.

Se NON pensi all’espansione a cosa pensi?

Cassa integrazione e Ristori sono interessanti, ma trovare nuovi clienti NON è importante?

Il PIL nazionale è calato del 10%, circa, tante aziende “nostrane” sono calate del 20%, qualcuna anche di più … ma l’interesse non è l’espansione, ma bensì è come “difendersi”.

Capisci che è un punto di vista sbagliato?

Come fai a pensare che “andrà tutto bene?”

Non voglio che tu mi apostrofi come insensibile o superficiale, e quindi ti ribadisco che è importante la “cassa integrazione”, se vuoi anche i “ristori”, ma NON pensare minimamente a come cercare nuovi e migliori clienti è un errore.

Non lo dico io, lo dice Google Trends, vai tu stesso a vedere, ma non serve questa prova, vai davanti allo specchio e chiediti: “Io, come quando e quanto ho pensato all’espansione?

E’ difficile?

E’ Complicato?

Sì certamente, pensavi o volevi che fosse facile?

Se vuoi posso dimostrarti come fare.

Ogni tanto faccio un webinar GRATUITO, vai a vedere la prossima data CLICCANDO QUI.

Per adesso mi fermo e ti auguro un Buon Anno di ❤️

 

L’amore vince sempre

Roberto Bonazzi

P.S. se metti in PRATICA ciò che è scritto qui, vedrai che andrà tutto bene! Per me e per i miei clienti “storici” è stato così e lo sarà anche per te.

 

Roberto Bonazzi

Venditore, Blogger e fondatore di Mail Marketing Pratico.
Aiuto imprenditori e liberi professionisti a rinnovare e ad automatizzare la propria attività, affinché possano aumentare le proprie vendite semplificando il lavoro e, se lo desiderano, avere più tempo per sé stessi.

Articoli consigliati